Cosmopolita, verde, mille volte osannata e con storia che si perde nel profondo dei secoli, Corfù è una destinazione che incanta anche il visitatore più esigente!

Il gioiello del Mar Ionio e una delle isole più settentrionali della Grecia fu il bersaglio dei grandi imperi della storia, che conquistarono Corfù per via della sua posizione strategica. La più potente è l'influenza dei Veneziani, evidente nella grandiosa architettura dell'isola.

La Città Vecchia di Corfù, che è stato riconosciuto dall'UNESCO come sito del patrimonio mondiale, ruba subito la scena. Basta una sola passeggiata attraverso i “kantounia”, i vicoli acciottolati con le case imponenti per viaggiare nel passato. Da non perdere una visita a Liston, la strada pedonale multifotografata con le vecchie dimore, le cui arcate ospitano i ristoranti e i caffè più popolari della città.

La Fortezza Vecchia e la Fortezza Nuova della città sono ancora due siti turistici impressionanti, mentre Pontikonissi, l’isolotto famoso dai film dell'età d'oro del cinema greco (anni ‘50 e ‘60), fa lo sfondo fotografico ideale ma non è aperto ai visitatori a causa del suo status di museo naturale.

Due ex palazzi sono ormai l'attrazione per coloro che vogliono conoscere la storia dell'isola. Il primo è l'Achilleion, una villa appartenente alla principessa Sissi dell'impero austro-ungarico, dove oggi si può ammirare opere d'arte uniche in un ambiente maestoso. Il secondo è il palazzo di Mon Repos, utilizzato come residenza estiva della famiglia reale, fino al 1967. Lì, attualmente funziona il Museo di Paleopolis, l'antica città di Corfù.

Le attrazioni di Corfù sono innumerevoli, ma lo stesso vale per le sue spiagge, che sono così diverse che vorrete scoprirle tutte! Dal famoso Canal d’ Amour a Issos, la spiaggia sabbiosa conosciuta anche come il "Sahara di Corfù", vi immergerete in acque cristalline e sentirete la tranquillità offerta dalla combinazione del blu del mare con il verde della vegetazione circostante.
“Gradualmente, la magia dell’isola si è impossessata di noi dolcemente e inavvertitamente come se fosse polline...” notò lo scrittore inglese Gerald Durrell, che trascorse la sua infanzia a Corfù. Vivete anche voi in quella magica atmosfera con un viaggio alla mitica isola dei Feaci!